Sottoscrivi: Articoli | Commenti

LYUBOV ORLOVA: Tra mistero e fantasia

0 commenti
LYUBOV ORLOVA: Tra mistero e fantasia

Una nave dispersa nell’Atlantico con un carico di ratti cannibali.

Da giorni oramai si parla di lei. Non è una bella donna, e neanche una bella vacanza. Se ne parla talmente male che possiamo pensare che ci sia in atto una invasione di locuste, o di cavallette: quasi paragonata ad una grandissima calamità naturale.
Ci arrivano notizie di persone che si guardano intorno in continuazione, dietro gli angoli, dentro casa altrui, negli androni dei palazzi e persino dentro alle chiese. Però tranquillizzatevi,niente di tutto questo è vero: la minaccia viene dal mare, e precisamente da una nave considerata  ’fantasma’, la “Lyubov Orlova”.
Tutti ne stanno parlando, nessuno l’ha più vista, e nemmeno i radar riescono a localizzarla: eppure esiste.
Stiamo parlando di un vecchio vascello jugoslavo in disarmo, prima arenatosi nell’Atlantico e poi sparito. Da diversi giorni impazza nel web la notizia secondo cui la nostra nave sia alla deriva verso le coste della Gran Bretagna in attesa di arrivare o in Inghilterra oppure nelle coste Irlandesi.
Sino a qui il mistero può nascere da una pura curiosità ma quello che ha dato alla notizia un risvolto quasi boccaccesco è la notizia diffusa dalla stampa britannica e attribuita al ricercatore belga Pim de Rhoodes secondo cui  la nostra nave sia piena zeppa di ratti cannibali che si mangiano fra di loro e che potrebbero invadere il Regno Unito.

L’ALLARME – La minaccia per ora è presente solo sulle notizie presenti nel web ma ha provocato un livello di allarme tale, da sollecitare lo stesso una risposta ufficiale delle autorità costiere britanniche:

“Non abbiamo ricevuto alcuna indicazione di avvistamento della nave dallo scorso aprile. Siamo tuttavia pronti a rispondere adeguatamente se ciò dovesse accadere”.

Anche la guardia costiera irlandese:

“Da parte dell’Irlanda non è richiesta alcuna azione, non risultano avvistamenti”.

Quello che però è incontestabile è che la nave, varata nel 1976 e battezzata con il nome di un’attrice russa degli anni ’30, non si sa dove sia in questo momento.

La sua storia è lunga e misteriosa. Infatti nel 2012 era data in rotta verso la Repubblica Dominicana, destinata ad essere rottamata. Durante quello che sarebbe dovuto essere il suo ultimo viaggio però, un guasto l’ha portata ad arenarsi in acque canadesi.
Da allora – e secondo alcune fonti dell’inizio del 2013 – nessuno ha certezza di dove si trovi la nave che sarebbe in disarmo, abbandonata alle correnti marine da tempo e si ritiene che sia improbabile che sia affondata.
Oramai questa nave sta diventando un mito  (o un ‘mistero’) tanto che le è stato dedicato persino un sito www.whereisorlova.com.

Ed allora non ci resta che aspettare che la nave ricompaia e che venga tolto il velo sul mistero che la circonda.

Sperando che al posto dei “ratti cannibali” ci siano invece “gatti vegetariani”!!

 

 

 

 

Lascia un commento